Morte di Christian: tre indagati

Morte di Christian: tre indagati. Torniamo ad occuparci della tragica morte di Christian Lombardozzi, lo studente di 16 anni dell’Istituto Alberghiero di Roccaraso deceduto dopo essere caduto dalla sua sedia in classe durante la lezione.

Sono tre le persone iscritte nel registro degli indagati dai magistrati che si stanno occupando del caso. Si tratta della dirigente scolastica, Maria Paola De Angelis, dell’insegnante di biologia, Dino Di Meo, che al momento si trovava in classe, e di Michele Verratti, responsabile della società di consulenza che si occupa della sicurezza dell’istituto scolastico. Ai tre è stato notificato l’avviso di garanzia per partecipare agli esami peritali dei prossimi giorni. L’accusa è di concorso in omicidio colposo. Il provvedimento è stato assunto sabato 13 febbraio, al termine del sopralluogo fatto nell’Istituto dal Procuratore di Sulmona Giuseppe Bellelli e dal pm titolare dell’inchiesta Aura Scarsella.  Intanto si è appreso che il Vescovo di Sulmona, Angelo Spina, sarà presente alla celebrazione dei funerali del giovane studente di Roccacinquemiglia. La data dei funerali deve essere ancora fissata. Ieri intanto all’alberghiero De Panfiliis di Roccaraso i cancelli d’ingresso sono rimasti chiuse e non si sono tenute le regolari lezioni per rispetto alla scomparsa del giovane studente. Lunedì è stata convocata un’assemblea d’istituto per riflettere su quanto accaduto e per ricordare il povero Christian.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Morte di Christian: tre indagati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*