Francavilla: Luciani, poster con foto clienti prostitute

luciani-antonio-post

La provocazione del sindaco di Francavilla Luciani: “Cartelloni con foto dei clienti delle prostitute”. Il post su Facebook è diventato virale.

Fa discutere il post del sindaco di Francavilla Antonio Luciani che sulla sua pagina facebook invita a fotografare i clienti delle prostitute per poi farne un cartellone pubblicitario. Una provocazione che però sembra essere molto di più per il primo cittadino, deciso a portare avanti la sua battaglia e che così scrive:

“Lotta alla prostituzione: concorso fotografa il cliente e noi stampiamo il 6×3. Siamo quotidianamente impegnati di concerto con i Carabinieri nella lotta contro la prostituzione. Dopo la mia ordinanza abbiamo elevato decine di multe ma nonostante il presidio continuo del territorio il fenomeno continua. DOBBIAMO IMPEDIRE CHE I CLIENTI LA FACCIANO FRANCA. Lancio una proposta ai cittadini. Fotografiamo le autovetture e le persone che si fermano e pubblichiamo in tutta la città dei manifesti 6×3 con la scritta: LUI E’ VENUTO A FRANCAVILLA PER ANDARE CON LE PROSTITUTE. Vediamo se così la capiscono.”

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Francavilla: Luciani, poster con foto clienti prostitute"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*