La vertenza Brioni si sposta a Roma.

La vertenza Brioni si sposta a Roma. Centinaia di lavoratori della Brioni hanno manifestato stamani a Pescara, in Via Passo Lanciano sotto la sede dell’Assessorato Regionale alle Attività Produttive, per opporsi alla decisione della Holding francese Kering di licenziare 400 dipendenti.

La Brioni, da alcuni anni di proprietà del gruppo francese, ha visto letteralmente crollare le commesse sui mercati internazionali, ed ha deciso di ricorrere al taglio di circa un terzo dei dipendenti del comparto produttivo dell’azienda sartoriale vestina. Presenti oltre ai lavoratori, i rappresentanti dei sindacati di Cgil, Cisl e Uil, i sindaci dei comuni dell’area vestina, gli esponenti politici, ed i parlamentari abruzzesi. Il taglio di centinaia di posti di lavoro, è stato detto, rappresenta un duro colpo sociale ed economico per l’intera provincia pescarese. Pesanti le ripercussioni che si avranno sul territorio. Il Vicepresidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, ai microfoni del Tg8 ha annunciato che la vertenza si sposta a Roma in quanto è stato già fissato un tavolo di confronto nazionale presso il Ministero delle Attività Produttive.

“Questo è un problema nazionale, ha affermato Lolli, perché si tratta di un’eccellenza nazionale. In tal senso, la prima cosa che annuncerò durante l’incontro è che c’è un tavolo nazionale già fissato per il 16, alle 10, al Mise”. “Per dimensioni e qualità di questa azienda – ha aggiunto Lolli – questa è una questione che deve essere portata a livello del Governo del paese. Il rapporto non possiamo averlo solo con i dirigenti dello stabilimento ma dobbiamo averlo con la proprietà. E’ con la Kering che vogliamo parlare e vogliamo sapere cosa intendono fare. Poi la Regione è disposta a mettere in campo tutti gli strumenti agevolativi, ma nei confronti di un piano industriale serio”. Lolli ha anche affermato che “l’area Vestina, insieme alla Val Pescara, rientrerà nell’ambito della legge 181, relativa alle aree di crisi: uno strumento in più – ha concluso – nei confronti delle imprese che vogliono fare investimenti”

I sindacati, con prudenza, hanno espresso apprezzamento per l’impegno del Governo, in quanto puntavano ad avviare una vertenza a carattere nazionale. negli ultimi 7 anni infatti alla Brioni di Penne sono stati persi oltre 270 posti di lavoro, senza tralasciare gli oltre 50 dipendenti licenziati in seguito alla chiusura dell’ Azienda Sforza, con stabilimenti a Modena e Bologna, che rientrano nel brand della Brioni.

“Quattrocento licenziamenti, con il crollo dell’indotto Brioni e la crisi delle attività commerciali significherebbero un autentico cataclisma per l’intera area Vestina”. Lo ha affermato il sindaco di Penne, Rocco D’Alfonso, affiancato dai primi cittadini dei dieci comuni del comprensorio Vestino, arrivati a Pescara in fascia tricolore per partecipare alla manifestazione promossa contro i 400 esuberi alla Brioni. “L’intera area Vestina – ha affermato il sindaco – oggi è qui, perchè questa è una vertenza di area; ogni comune ha dipendenti Brioni al suo interno. Di scelte sbagliate ce ne sono state e non è giusto che siano i lavoratori a pagare scelte imprenditoriali errate”

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "La vertenza Brioni si sposta a Roma."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*