Bussi, accordo di programma saltato

discarica-bussi1discarica bussi1

Niente accordo di programma sulla bonifica e la reindustrializzazione del sito industriale di Bussi Sul Tirino.

Alla riunione della Conferenza dei servizi che avrebbe dovuto sancire la ratifica dell’intesa, non si sono presentati né i rappresentanti del ministero dell’Ambiente né quelli della Regione. Presenti, invece, le altre parti interessate: il Commissario straordinario Adriano Goio e gli esponenti del Comune di Bussi, della Provincia di Pescara, della Solvay e del nuovo investitore Filippi Farmaceutica. La Solvay, che in un comunicato del luglio scorso aveva indicato il 31 ottobre come termine ultimo per aderire al percorso tracciato nell’accordo di programma, ha fatto sapere, tramite i suoi responsabili, che ‘da adesso in poi si ritiene libera di assumere altre iniziative, pur dichiarandosi disponibile a proseguire la collaborazione avviata’. Decisiva, per il fallimento dell’intesa, pare sia stata la missiva inviata nella giornata di ieri dal direttore generale del ministero dell’Ambiente, Maurizio Pernice, che ha di fatto bocciato la bozza dell’accordo, avanzando una serie di obiezioni. Pernice, infatti, ha sottolineato una serie di carenze formali, in particolare l’assenza dei riferimenti normativi che consentano la partecipazione dei privati. Ribadito che la titolarità dell’istruttoria in materia di bonifica spetta al Commissario straordinario, ha anche sollevato dubbi sulla possibilità di procedere al passaggio di proprietà dei terreni, dalla Solvay al Comune, tramite un accordo di programma, visto che solo un atto di diritto privato può produrre tale effetto. Altri interrogativi hanno a che fare con gli oneri da sostenere in futuro, alla scadenza dei 6 anni coperti dalla Solvay, per la barriera delle acque e sull’impostazione relativa alla riperimetrazione delle aree. La mossa del direttore generale del ministero, ha spinto la Regione Abruzzo ad inviare un messaggio al Comune di Bussi, nel quale ha spiegato di essere sostanzialmente in sintonia con il percorso avviato, ma di essere intenzionata ad attendere le osservazioni formali che il ministero dell’Ambiente avanzerà nei prossimi giorni. Lunedì prossimo il sindaco di Bussi, Salvatore Lagatta, spedirà a tutte le parti coinvolte una nuova versione della bozza di accordo, emendata con i suggerimenti e le osservazioni di tutti coloro che hanno preso parte alla riunione di oggi. Solo dopo che arriveranno le osservazioni formali del ministero, però, sarà possibile convocare una nuova riunione della Conferenza dei servizi.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Bussi, accordo di programma saltato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*