Chieti, il 26 febbraio Banca Teatina migra in Ubi Banca

carichietiJpeg

Dal prossimo 26 febbraio Banca Teatina, nata sulle ceneri di Carichieti, sarà integrata in Ubi Banca. I vertici in conferenza stampa a Chieti.

La migrazione dei sistemi informatici verso i sistemi di Ubi è prevista il 24 e 25 febbraio. Termina così l’iter di transizione avviato circa un anno, dopo che Ubi Banca aveva manifestato interesse per le cosiddette “Target Bridge Institutions”, ovvero Nuova Banca Marche, Nuova Banca Etruria e Nuova Carichieti. Oggi a Chieti, in conferenza stampa, Ubi Banca ha presentato i nuovi servizi e le prospettive future. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato il presidente di Banca Teatina Osvaldo e consigliere di Gestione di Ubi Banca Osvaldo Ranica, l’amministratore delegato Raffaele Avantaggiato e il direttore della macro area territoriale Marche Abruzzo di Ubi Banca Nunzio Tartaglia. A Chieti, in quella che è stata la sede della direzione generale della Carichieti, troveranno posto la Direzione territoriale di Chieti e la sede secondaria, rispetto a quella di Jesi, della macro area Abruzzo Marche. Di fatto Chieti diventerà riferimento Ubi Banca dell’intero Abruzzo, con 150 dipendenti.

Nelle foto in basso il presidente Ranica, il direttore Tartaglia e l’ad Avantaggiato

“Siamo su questo territorio ormai da diversi mesi e lunedì, con i sistemi informativi nostri, mettiamo in condizione i nostri colleghi dell’ex Banca Teatina Carichieti di fornire tutta una serie di servizi che oggi non era possibile fornire – ha dichiarato Ranica – Portiamo un know how che è molto vicino al cliente azienda e al cliente famiglia: questo credo sia l’effetto importante. Nell’ex Carichieti troviamo centomila clienti: la nostra intenzione è non solo di coltivarli al meglio, ma anche di aumentarli”.

IL SERVIZIO DEL TG8:

https://www.youtube.com/watch?v=-_696qKMXrA

Sii il primo a commentare su "Chieti, il 26 febbraio Banca Teatina migra in Ubi Banca"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*