Abruzzo: crescono le aziende di stranieri residenti

imprese-straniere

In Abruzzo operano 13.000 aziende costituite da cittadini extracomunitari residenti. Sono cresciute del 2,6% in un anno.

Per il coordinatore Casartigiani Abruzzo Flaviano Montebello: “E’ un segnale incoraggiante per la ripresa dell’economia regionale.”

Sono immigrati di prima generazione e loro figli, bene integrati nel tessuto produttivo. Dati Unioncamere di fine 2014, prevalgono attività commerciali (36,4%), tra le altre spiccano servizi (21,9%) e costruzioni (19,4%). Gli stranieri hanno preferito per il 79,5% la forma di impresa individuale. A livello provinciale Teramo detiene il record di presenze di imprese straniere che si attestano a 4.146; a Pescara sono 3.650, a Chieti 3.197, a L’Aquila 2.009. Riguardo alle nazionalità, imprenditori cinesi operano in più alta percentuale nel Teramano, i marocchini a L’Aquila, i romeni a Chieti e i senegalesi a Pescara.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo: crescono le aziende di stranieri residenti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*