Abruzzo, economia: per la Cisl 2015 difficile, 2016 di speranza

cisl

Abruzzo, economia: il 2015 è stato un anno difficile, ma migliore rispetto al 2014, mentre il 2016 sarà un anno di speranza, se la regione riuscirà a consolidare la ripresa. Così la Cisl Abruzzo e Molise, nel bilancio dell’anno che sta per chiudersi e nella previsione del nuovo.

Restano competitive le grandi industrie e le piccole e medie imprese, grazie alle esportazioni, ma nelle piccole e micro aziende il tasso di crescita è negativo e il numero degli occupati diminuisce.

“Le micro e piccole imprese, insieme all’artigianato, rappresentano più dell’80% del tessuto imprenditoriale della nostra regione e sono assolutamente vitali per una solida ripresa dello sviluppo locale”, sostiene Maurizio Spina, segretario generale della Cisl Abruzzo e Molise.

 

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo, economia: per la Cisl 2015 difficile, 2016 di speranza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*