Ryanair, Cna: “Imprenditori sostenete l’Aeroporto d’Abruzzo”

aeroporto

Il presidente della Cna, Italo Lupo, chiama a raccolta gli imprenditori per sostenere l’Aeroporto d’Abruzzo e scongiurare l’abbandono dello scalo da parte di Ryanair.

Mobilitare tutto il “sistema Abruzzo” per sostenere l’impegno economico e produttivo necessario a scongiurare l’addio della compagnia irlandese “Ryanair” che ha consentito il decollo dell’aeroporto d’ Abruzzo, è quanto propone il presidente della Cna, Italo Lupo. Lupo precisa che la riapertura di uno spazio di trattativa con la compagnia aerea Ryanair, accreditata ieri dagli organi di stampa, rappresenta una buona notizia. Ma adesso è l’intero sistema istituzionale e produttivo d’Abruzzo che deve sostenere lo sforzo congiunto di Regione e Saga.

“Appare convincente – prosegue Lupo – la proposta del presidente della Saga, Nicola Mattoscio, di prevedere nella gestione futura dello scalo, anche l’apporto di capitali privati, magari attraverso la nascita di un fondo dedicato. Non è infatti possibile, nelle condizioni date, immaginare che l’onere ricada esclusivamente sulle risorse pubbliche: se l’aeroporto, con i suoi collegamenti vitali con l’Europa è un bene comune, tutti devono contribuire alla sua gestione, sistema delle imprese incluso. A detta di Lupo, d’altra parte, “questo modello viene indicato dagli assetti societari di altri scali – come Perugia o Parma, la sempre citata Ancona, solo per fare qualche esempio – dai volumi di traffico nettamente inferiori a quello pescarese, ma dai quali la compagnia irlandese non ha mai annunciato disimpegni presenti e futuri”.

Insomma, la Cna ribadisce che è impossibile prescindere in futuro da “un modello di gestione che coinvolga direttamente anche il sistema delle imprese, a cominciare da quelle turistiche, anche attraverso sigle e associazioni che le rappresentano, chiamate a un atto di responsabilità”.
Secondo il presidente della confederazione artigiana abruzzese, infine, “deve essere riconsiderato anche l’apporto degli enti locali e di quelli economici, come le Camere di commercio – un tempo socie della Saga, prima che l’ultima ricapitalizzazione trasferisse alla sola Regione il controllo dell’aeroporto – alla vita dello scalo. Un atto di responsabilità anche questo, che deve coinvolgere soprattutto i sindaci abruzzesi nel loro complesso, chiamati magari a dismettere qualche spesa improduttiva e a investire sull’unica infrastruttura di eccellenza di cui dispone il territorio”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

1 Commento su "Ryanair, Cna: “Imprenditori sostenete l’Aeroporto d’Abruzzo”"

  1. 2015
    Ancona 520.000 passeggeri e 6.700 tonnellate di merci;
    Pescara 610.000 passeggeri e 42 tonnellate di merci.

    Non mi sembra che ci sia questa “netta” differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*