Atessa, stato di agitazione alla Honda

Alla Honda di Atessa crescono i timori sindacali per lo stop all’unica linea produttiva. Annunciato lo stato di agitazione.

Lo stabilimento in Val di Sangro, unico in Europa per la produzione di due ruote del colosso nipponico, potrebbe perdere a partire dal 2016 la linea di costruzione dei motori degli scooter Pcx che arriverebbero già assemblati dal Sud est asiatico. A tal proposito, i sindacati si sono già riuniti decidendo per una linea comune destinata, intanto, a far svelare i veri piani industriali ai vertici Honda. Per giovedì 12 novembre le sigle sindacali unite hanno indetto un’assemblea con i lavoratori, direttamente in fabbrica, e per il giorno successivo è convocata una conferenza stampa per illustrare le decisioni intraprese. L’assemblea dei lavoratori deciderà, dunque, a che livello portare lo stato di mobilitazione e quali azioni saranno adottate nell’immediato.  La Honda di Atessa resterebbe a tutti gli effetti una mera fabbrica di assemblaggio pur essendo composta da operai ad altissima specializzazione meccanica e ingegneristica.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Atessa, stato di agitazione alla Honda"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*