No triv, scendono in campo gli operatori turistici

ombrina-mare-le-province-dicono-no

No triv, scendono in campo gli operatori turistici d’Abruzzo e si aggiungono all’ampio fronte dei contrari alle trivellazioni in mare.

L’Abruzzo e gli Idrocarburi? Una prospettiva senza futuro, un orizzonte cieco, una scelta autolesionista: ad esserne convinti, oltre alle associazioni ambientaliste, ad alcune istituzioni locali e a tanti cittadini, sono anche diversi operatori turistici della costa abruzzese, gli stessi che oggi hanno indetto una conferenza stampa per ribadire le ragioni del no. Balneatori, albergatori e agenti di viaggio sono uniti nel sostenere che la petrolizzazione del territorio regionale contrasta con lo sviluppo turistico. A convocare l’incontro odierno con i giornalisti sono l’associazione B&B Parco Maiella/Costa dei Trabocchi, la Confcommercio di Pescara, l’agenzia turistica Maradhoo di Lanciano, i balneatori della costa di Francavilla e Intour, Bellandare,Traboccanti e l’agriturismo Rifugio Mare Rocca di San Giovanni. Tutti insieme confermano la ferma opposizione ad ogni tentativo di “conciliazione territoriale”da parte degli industriali riuniti oggi a Pescara e il presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso.

“La politica deve fare una scelta – affermano gli operatori turistici – E’ impossibile la convivenza tra un’ economia basata sugli idrocarburi e un’economia basata sulla valorizzazione del territorio, quindi sul turismo sostenibile e l’agricoltura di qualità”.

Intanto oggi a Roma, a Montecitorio, il coordinamento No Ombrina illustrerà gli emendamenti alla Legge di stabilità, appena bocciati dalla commissione bilancio, e che verranno riproposti nell’aula della Camera dei deputati.

Intanto il sottosegretario alla presidenza della Giunta Regionale con delega all’Ambiente, Mario Mazzocca, commenta l’esito dell’udienza che si è svolta questa mattina a Roma di fronte ai giudici del Tar del Lazio, dove i legali dell’avvocatura regionale hanno presentato le richieste relative al ricorso, presentato a fine ottobre dalla Regione Abruzzo, per “l’annullamento del decreto del Ministero dell’Ambiente relativo allo sviluppo del giacimento Ombrina mare e l’autorizzazione integrata ambientale per l’esercizio della piattaforma Omrbina mare, presentata dalla società Medoilgas Itlia, ora Rockhopper Italia Spa, nonché l’annullamento di tutti gli atti presupposti, connessi e consequenziali.”

“Pur non proprio soddisfatti, apprendiamo, quanto meno positivamente, l’abbinamento dell’istanza cautelare a quella di merito, fissata per il 22 giungo prossimo, per la decisione finale dei giudici del TAR del Lazio. Fino ad allora non molleremo la presa: ci apprestiamo a ricorrere al Tar sia contro l’esito conclusivo della Conferenza dei Servizi e sia contro il probabilmente emendando decreto concessorio: saranno quelle le sedi in cui la Regione si giocherà le carte decisive sia in chiave No Ombrina e sia per consentire lo svolgimento dei referendum”.

no triv

no triv emendamenti bocciati dalla commissione

il servizio  sull’appello lanciato dagli operatori turistici ai parlamentari:

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "No triv, scendono in campo gli operatori turistici"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*