Fira: raddoppio sulle startup

startupHand writing Start-up concept with black marker on transparent wipe board.

La Fira, finanziaria regionale, raddoppia sulle startup, investendo altri 300 mila euro su Foodscovery, l’impresa con la piattaforma per lo shopping di eccellenze alimentari del made in Italy e in particolare del made in Abruzzo.

Si tratta di un investimento che ha portato al 29,6% la quota di capitale della Fira in cinque anni.

“Foodscovery è una delle prime startup che abbiamo sostenuto”, ha dichiarato il presidente della Fira, Rocco Micucci.

Questa nuova società, costituita nel 2014 da Fabio Di Gioia e Mario Sorbo, è anche tra le prime a beneficiare della seconda tranche di investimenti da 300 mila euro, dopo aver partecipato al bando Starthope 2 della Fira che si è chiuso con 140 domande.

Probabilmente altre  15 o 16 startup, partecipanti al bando Starthope 2, potranno beneficiare di investimenti da 3 o 500 mila euro ciascuna, così come sta valutando il comitato.

“L’obiettivo”, ha sottolineato Micucci, “è fare dell’Abruzzo la prima regione in termini di startup, finanziate con capitali pubblici e privati”.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Fira: raddoppio sulle startup"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*