Abruzzo: alternanza scuola-Lavoro, il supporto di Confindustria

La riforma in Abruzzo: alternanza scuola-lavoro al via con l’aiuto del sistema dei servizi di Confindustria.

Si chiama alternanza scuola-lavoro ed è una delle novità più significative contenute nella legge 107 del 2015, quella ribattezzata della Buona Scuola. La norma- rivolta a tutti gli studenti del secondo biennio e dell’ultimo anno- intende fornire ai giovani la possibilità di acquisire, oltre alle conoscenze di base, le competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio e formazione in aula a quelle trascorse all’interno delle aziende. L’obiettivo è colmare il deficit di formazione sul campo del nostro sistema scolastico.
L’ultimo monitoraggio scuola-lavoro compiuto dall’ Indire, l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, attesta che in italia solo il 10,7% degli studenti di scuola secondaria superiore è inserito in simili percorsi: un numero molto basso se paragonato ai Paesi avanzati europei.
Per facilitare l’attuazione della nuova legge, l’Ufficio scolastico regionale e Confindustria Abruzzo hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che servirà a creare un supporto tecnico a beneficio delle scuole e del territorio.
Confindustria, ha affermato il presidente regionale Agostino Ballone, metterà a disposizione, attraverso le sue sedi territoriali, tutte le informazioni relative ai fabbisogni delle imprese associate, promuovendo la collaborazione tra tutor aziendali e tutor scolastici.
L’ufficio scolastico regionale, dal canto suo, si impegnerà a promuovere progetti formativi flessibili e maggiormente in linea con le esigenze dei settori produttivi.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo: alternanza scuola-Lavoro, il supporto di Confindustria"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*