L’Aquila, ieri l’ultimo concerto dell’Isa

Niente fondi per l’Isa: ieri a L’Aquila ultimo concerto per l’Istituzione sinfonica abruzzese. Intanto si guarda con interesse ad un possibile spiraglio futuro.

Il concerto si è tenuto ieri sera nel centro storico dell’Aquila, fra l’abbraccio del pubblico che da sempre segue una delle orchestre più prestigiose d’Italia. L’Isa è l’unica orchestra in Abruzzo ad avere il riconoscimento statale del Fondo unico per lo spettacolo. Per un mancato trasfermento di finanziamenti da pare della Regione, l’Istituzione sinfonica ora rischia di cessare le sue attività per un tempo indefinito. “Non c’è futuro migliore senza musica, se chiude l’Orchestra sinfonica perdiamo tutti”, questo l’appello lanciato ieri sera da Gianna Fratta, la direttrice d’orchestra che ha guidato quello che è stato annunciato come l’ultimo concerto della Sinfonica abruzzese, in un’affollata piazza Regina Margherita, nell’ambito del cartellone dei Cantieri dell’immaginario. Per il suo presidente Antonio Centi, se la Regione farà quanto promesso (giovedì 6 agosto fra l’altro ci sarà la riunione della commissione Bilancio per discutere lo stanziamento dei primi 400mila euro di un contributo totale di 800mila) potrebbe aprirsi uno spiraglio di speranza per l’Isa.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, ieri l’ultimo concerto dell’Isa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*