Lanciano: Il Comune ritira le quote della “Carabba”

Lanciano: Il Comune ritira le quote della “Carabba”, la storica casa editrice fondata nel 1878 non sarà più società partecipata secondo il Piano di razionalizzazione delle spese dell’Ente Comunale.

Nell’inevitabile processo di ridurre le spese degli enti, al Comune di Lanciano, dunque, si registra una vittima illustre: la Casa Editrice “Carabba”. Amareggiato il presidente Antonio Serafini che ha riferito di essere venuto a conoscenza della decisione solo all’ultimo momento. Si tratta tra l’altro di una quota risibile, 780 euro ai quali andrà aggiunto il valore della quota maturato in questi anni. Da Palazzo di città fanno sapere che il provvedimento é frutto di una normativa nazionale che obbliga la dismissione di tutte le società partecipate non indispensabili al proseguimento delle proprie finalità istituzionali. Da qui il disappunto di Serafini:

“La Carabba fa parte del patrimonio culturale della città. Se il Comune riconosce la cultura fra i valori istituzionali perseguiti, allora questa dismissione non sarebbe giustificata.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Lanciano: Il Comune ritira le quote della “Carabba”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*