Forza Canzone: L’Italia e…l’Abruzzo nel mondo

Forza Canzone: L’Italia e…l’Abruzzo nel mondo, grazie al progetto mondiale umanitario per la ricerca della melodia italiana nei 5 continenti che nei giorni scorsi ha fatto tappa anche in Vaticano davanti a Papa Francesco.

Promotore dell’evento il centro accademico nazionale “Sylvia Pagni Music Center”, con il patrocinio del Ministero degli Affari esteri, dell’Expo Milano, ma soprattutto della Regione Abruzzo che con il suo logo girerà il mondo. L’ideatore un mostro sacro della musica italiana, Teddy Reno, sulla soglia dei 90 anni, scopritore di numerosissimi talenti che, nonostante l’età, ha deciso di proseguire la sua attività per il bene e la tutela della grande melodia italiana.

“Sono 70 anni che faccio questo mestiere ed ho l’entusiasmo di un ragazzino – ci spiega – insieme a Sylvia Pagni, al direttore artistico Antonio Vandoni, con Rita Pavone come testimonial, ma soprattutto con i bravissimi ragazzi dell’Accademia gireremo il mondo alla ricerca della melodia italiana e alla scoperta di nuovi talenti in un veneto di caratura internazionale e la firma della Regione Abruzzo”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

1 Commento su "Forza Canzone: L’Italia e…l’Abruzzo nel mondo"

  1. Il Pescara per Me non sa gestire il risultato ogni volta che andiamo in vantaggio anche di 2 goal non sappiamo fare il possesso palla anche ODDOsecondo me quando fa le sostituzioni toglie sempre una punta per un difensore ci abbassiamo troppo e rischiamo sui calci piazzati e poi ci esce la frittata come tante partite gia’ vinte le abbiamo pareggiate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*