Centro Studi Dannunziani: Il Vate e la lingua italiana d’oggi

Centro Studi Dannunziani: Il Vate e la lingua italiana oggi, é il tema del 42esimo Convegno Internazionale di Studi dedicato a Gabriele d’Annunzio.

L’appuntamento a partire dal 26 novembre al Mediamuseum, il 27 al Liceo Classico di Pescara ed il 28 all’aula magna del Liceo Scientifico “Galilei” in Via Vespucci. tema, dunque, la lingua italiana oggi nel 750esimo anniversario della nascita di Dante Alighieri, ritenuto il padre della nostra lingua. Contestualmente partirà un concorso internazionale rivolto agli studenti di tutto il mondo chiamati a partecipare, con un componimento che prenda spunto dai tanti neologismi creati dal Vate e diventati oggi di uso comune, ad un concorso dal titolo d’Annunzio e la parola. Intanto presto on line il nuovo sito del Centro Internazionale Studi Dannunziani con la pubblicazione degli atti di tutti i 42 convegni organizzati, mentre, altra iniziativa interessante, é quella legata a d’Annunzio e gli altri. Una serie d’interviste a personaggi della cultura e non solo alla ricerca della conoscenza del rapporto che d’Annunzio aveva con grandi personaggi di allora.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Centro Studi Dannunziani: Il Vate e la lingua italiana d’oggi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*