Ad Avezzano uno scritto di Galileo Galilei

Ad Avezzano uno scritto di Galileo Galilei, custodito da anni nella biblioteca della diocesi e ora consultabile pubblicamente. Un’opera rarissima di cui esistono solo altre due copie.

Lo scritto redatto nel 1600 è intitolato “Opere di Galileo” e racchiude in due volumi tutti gli scritti editi ed inediti dello scienziato pisano, ad eccezione del “Dialogo sui massimi sistemi”, considerato libro proibito dalla Chiesa, e la “Lettera a Cristina di Lorena”. Si tratta di un testo rarissimo, di cui esistono solo altre due copie originali.

“E’ un’opera di grandissimo valore – ha dichiarato il responsabile della biblioteca diocesana, Don Ennio – di cui se ne conoscono altre due ristampe, una custodita a Firenze e l’altra conservata in America, precisamente a New York”.

Il sacerdote ha aggiunto che i due volumi sarebbero arrivati nella Marsica grazie ad un personaggio illustre, probabilmente interessato alla diffusione della cultura. Forse Muzio Febonio, religioso e storico avezzanese nato alla fine del 1500. Il testo è compreso tra gli oltre 45.000 libri della biblioteca diocesana, e ora potrà essere utilizzato da studenti e curiosi per approfondire lo studio delle teorie e delle riflessioni del padre della scienza moderna.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Ad Avezzano uno scritto di Galileo Galilei"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*