Castel di Sangro: “Come il mare io ti parlo” alla pinacoteca

duse-dannunzio

Castel di Sangro: nella pinacoteca patiniana l’attrice Franca Minnucci parla del rapporto tra Eleonora Duse e Gabriele d’Annunzio, raccontato nel libro “Come il mare io ti parlo”.

Il carteggio tra la divina e il Vate è stato pubblicato da Bompiani, dopo un attento lavoro di ricerca e studio della studiosa Franca Minnucci.

Al termine del convegno gli alunni dell’istituto alberghiero di Roccaraso hanno servito ai presenti un dolce dannunziano a base di ricotta, caffè e Centerba.

“Si tratta di una ricetta che mi fu suggerita da Emma Gramatica negli anni Sessanta ad Anversa degli Abruzzi”, racconta Nunzio Marcelli, allevatore e produttore ovicaprino. “La Gramatica era stata ad Anversa agli inizi del Novecento per interpretare la tragedia dannunziana “La fiaccola sotto il moggio”. Durante il pasto successivo allo spettacolo, al momento del dolce, vennero fuori dei malumori e d’Annunzio propose un dessert a base di ricotta, caffè e Centerba, lo stesso che in quest’occasione abbiamo pensato di riproporre”.

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Castel di Sangro: “Come il mare io ti parlo” alla pinacoteca"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*