L’emozione di arrampicarsi a mani nude

L’emozione di arrampicarsi a mani nude. Saranno in molti a provare l’adrenalina dell’arrampicata sportiva a mani nude su una parete verticale con appigli artificiali.

Tutto questo e molto altro ancora si potrà vivere domenica 20 dicembre presso la palestra “Blockhaus Clinbing Garage” a Pescara, Via Marco Polo 41/43 dove a partire dalle ore 13 e sino alle ore 17,00 decine di atleti, o per meglio dire boulder come vengono definiti tecnicamente, provenienti da tutta la regione daranno vita ad una spettacolare manifestazione di arrampicata sportiva. Un popolo in costante crescita quello degli arrampicatori sportivi che sfidando le leggi gravitazionali riescono a compiere gesti atletici unici ed arrampicate mozzafiato il tutto condito da tanta adrenalina, basti pensare che questi atleti si arrampicano a mani nude e senza le cime di sicurezza. Sotto la parete ovviamente alti speciali tappeti di protezione, i crash pad, che evitano qualsiasi contusione o infortunio.  La specialità che si pratica è il bouldering, dall’inglese boulder (macigno), un’arrampicata senza corda che può arrivare ad un’altezza massima di circa quattro metri scalando appunto i macigni, anche se in questo caso ci si è arrampicati su semplici muri artificiali.

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "L’emozione di arrampicarsi a mani nude"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*