Pescara: Festival Mediterraneo della Laicità

festival-laicità11

Venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 ottobre 2017 le tre giornate centrali della decima edizione del Festival Mediterraneo della Laicità (www.laicofestival.it), organizzate presso l’Aurum di Pescara. dall’associazione Itinerari Laici (www.itinerarilaici.it/).

Tema di quest’anno “mobilitazione totale, connessione generale”.

Il Festival Mediterraneo della Laicità è una manifestazione di contenuto culturale ideata e promossa dall’anno 2007 dall’Associazione Itinerari Laici di Pescara – che ha nel suo statuto integralmente lo Statuto dei Diritti Umani – al fine di promuovere la dimensione culturale della laicità coniugata nelle possibili articolazioni al fine di favorire un rinnovato senso di condivisione dei principi civici, sviluppando interscambio e pluralismo culturale.
La manifestazione che quest’anno ha raggiunto il traguardo della decima edizione, ad ogni edizione, propone un tema specifico che viene svolto in più giornate articolandosi in appuntamenti e conferenze che si tengono nella mattinata e nel pomeriggio, cui partecipano per ogni sezione più relatori appartenenti a varie discipline scientifiche, filosofiche, letterarie ecc.
Ad ogni incontro il pubblico ha modo di intervenire e, partecipando all’evento, porre quesiti ai vari relatori creando quindi quello scambio e confronto che rende vivo e partecipato ogni incontro, secondo le finalità e l’intento dello spirito del Festival.

La Direzione Scientifica del Festival è dall’edizione del 2014, affidata al LabOnt, Laboratorio Ontologico del Dipartimento di Filosofia, Diretto dal Prof. Maurizio Ferraris, dell’Università di Torino.

Il Festival è selezionato tra i progetti culturali italiani sostenuti con i fondi dell’Otto per Mille 2017 della Tavola Valdese

La decima edizione del Festival è preceduta e seguita da tre cicli:

Laicità ARTE 16, 23 settembre e 7 ottobre 2017 www.facebook.com/events/115906432482028
Laicità MUSICA 20 ottobre 2017 www.facebook.com/events/1760317127594091
Laicità CINEMA 28 ottobre, 4 e 11 novembre 2017 www.facebook.com/events/305796813162029

Laicità ARTE
Ciclo di Arte a cura di Simone Ciglia e GiovanBattista Benedicenti
sabato 16 settembre / sabato 23 settembre / sabato 7 ottobre 2017
Museo d’arte moderna Vittoria Colonna, Via Gramsci, 1, Pescara piano terra h. 17.30

L’Arte con i suoi diversi linguaggi è imprescindibile per leggere la realtà ed ad essa il Festival Mediterraneo della laicità dedica uno spazio significativo. Abbiamo scelto di approfondire il nesso tra laicità ed Arte perché questa è una componente esemplare della cultura, per il suo ruolo di rappresentare, criticare, modificare le forme di vita e le relazioni con il mondo in un rapporto di condivisione.
Arte intesa sia come linguaggio universale, sia come elaborazione simbolica delle libertà personali.
Arte che esplora l’esistente rappresentandolo e criticandolo e di volta in volta offrendone una immagine, attraverso i suoi vari linguaggi, in modo dinamico, provvisorio e spiazzante.
Arte come sinonimo di libertà e pensiero condiviso.
Gli interventi verranno pubblicati sul sito della Associazione www.itinerarilaici.it

Laicità ed Arte
Interrogativi per interpretare il modo attraverso l’Arte

Che cos’è un’opera d’arte?
Tra l’opinione scettica convinta dell’impossibilità della definizione dell’opera d’arte e quella più incline a ricercare una definizione propria dell’opera d’arte quale è la scelta giusta?
Le opere sono oggetti fisici.
Le opere sono oggetti sociali.
Le opere provocano accidentalmente conoscenza. Le opere provocano necessariamente sentimenti. Le opere fingono di essere persone.

Laicità ARTE
Ciclo di Arte a cura di Simone Ciglia e GiovanBattista Benedicenti
Museo d’arte moderna Vittoria Colonna, Via Gramsci, 1, Pescara, piano terra h. 17.30

Sabato 16 settembre: Simone Ciglia
L’opera d’arte nell’epoca digitale. Una storia rizomatica della New Media Art

Sabato 23 settembre: Giovanbattista Benedicenti
L’utopia dell’arte totale da Wagner a Gropius

Sabato 7 ottobre: Giovanbattista Benedicenti
L’utopia dell’arte totale da Gropius a oggi

Simone Ciglia è nato a Pescara nel 1982. È dottore di ricerca in storia dell’arte contemporanea presso la “Sapienza” Università di Roma.
Si occupa soprattutto di arte e critica d’arte del secondo Novecento. Ha curato diverse mostre, e scritto per cataloghi, riviste specializzate e per la stampa periodica.
Ha collaborato al manuale scolastico di storia dell’arte per Zanichelli editore. È corrispondente per diverse riviste, tra le quali Flash Art.

Giovanbattista Benedicenti è nato a Pescara nel 1969. Insegna Storia dell’Arte presso il Liceo Classico “D’Annunzio” di Pescara.
Dopo la laurea in Lettere a Firenze, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Storia dell’Arte presso l’Università di Venezia.
È autore di varie pubblicazioni sull’arte moderna e contemporanea.

Associazione Itinerari Laici
via dei mandorli, 7 – 65010 Spoltore (Pe)

www.itinerarilaici.it – www.laicofestival.it

[email protected]

#FMLLaicità2017 #Laicità #FestivalLaico2017 #FML2017 #Laico #Laicità2017decimaedizione #LaicitàARTE2017 #LaicitàMUSICA2017 #LaicitàCINEMA2017

PAROLE CHIAVE
Laicità, Laico, Festival Mediterraneo della Laicità, FML2017

Organizzazione: Associazione Itinerari Laici
Collaborazione Scientifica: LabOnt Maurizio Ferraris
Coordinatrice organizzativa: Silvana Prosperi

Comitato organizzativo:
Muni Cytron, Michele Meomartino, Greetje Van der Veer, Paolo Visci

Promozione / Ufficio Stampa: Associazione A.C.M.A.

“La Fondation Tyr, fondazione libanese a Beirut, ha assegnato il Premio Elissa – Didon per l’ideazione e la realizzazione del Festival Mediterraneo della laicità, impegnato in iniziative in difesa e promozione della laicità nel Mediterraneo. Le istituzioni che animano la prestigiosa iniziativa della Fondazione Tyr insieme al Programma Med 21, come l’Agenzia dell’ONU, l’UNESCO, l’Unione per il Mediterraneo, la Lega Araba e la società civile dei paesi del Mediterraneo hanno tutte l’obiettivo di incoraggiare l’azione delle donne nel Mediterraneo. Sono grata per l’impegno che queste istituzioni stanno dimostrando, la qualità e il valore della rete che costituiscono per diffondere con passione la conoscenza e lo scambio culturale del patrimonio comune. Il Premio Elissa-Didon a me conferito, poggia sugli stessi ideali che sosteniamo col Festival Mediterraneo della laicità, che da quest’anno si onora di far parte del medesimo impegno condiviso. La Fondazione Tyr attraverso la cultura, opera per avviare, coordinare, progettare e assistere progetti che promuovono la conservazione del patrimonio, la valorizzazione, la promozione del turismo culturale, la conservazione dell’ambiente marino e lo sviluppo socio-economico delle città mediterranee. Inoltre, opera per “la promozione della condizione delle donne nel Mediterraneo e destina il Premio Elissa – Didon a segnalare ed onorare il contributo significativo di una personalità femminile o istituzione che lavori per il rafforzamento dell’eguaglianza di possibilità e l’affermazione del ruolo delle donne nella società del bacino del Mediterraneo”. Il Premio Elissa – Didon è annuale e premia due vincitrici provenienti dalle due sponde del Mediterraneo: una del Nord e una del Sud. Il Premio è inserito in una rete di premi per la promozione dell’eccellenza nel Mediterraneo istituito insieme al Programma Med 21 e attivamente incentiva i rapporti tra i paesi che su esso si affacciano per rafforzare la cooperazione tra le istituzioni e le persone che lavorano per raggiungere questo obiettivo. Con questo riconoscimento – scrive Silvana Prosperi, ideatrice e Curatrice del Festival mediterraneo della laicità – è premiato tramite me, un evento e soprattutto l’ambito territoriale e culturale che lo ospita e sostiene. A questo proposito, un vivo ringraziamento va al Sindaco, Avv. Marco Alessandrini e all’Assessore alla Cultura, Dr. Giovanni Di Iacovo, che da sempre sostengono il Festival, primi tra i nostri concittadini vicini all’evento, tra i più prestigiosi e convintamente aderenti allo spirito di libertà e di rispetto tra i popoli e le rispettive culture. Un particolare ringraziamento è dovuto all’Ufficio dell’Otto per Mille della Tavola Valdese per il sostegno finanziario essenziale alla realizzazione del Festival. Il mio intento, con il sostegno e il supporto delle Istituzioni più rappresentative del nostro territorio, è portare la candidatura del Premio Laici per il Mediterraneo, promosso dal Festival mediterraneo della laicità, nella rete dei Premi del Mediterraneo del Programma Med 21 per offrire a Pescara, all’Abruzzo e al nostro Paese un ambito di relazioni di grande qualità. Sul tema del rapporto tra diritto e condizione femminile, tra i paradigmi più indicativi per la promozione dei Diritti umani. Nostro intento è lavorare per iniziative e relazioni in grado di contribuire a portare l’Abruzzo in un contesto di rilievo nel Mediterraneo.
A questo fine, vorremmo continuare a spendere energie per inserire un’iniziativa culturale della nostra regione a rappresentarla con onore e prestigio in una realtà internazionale di grande qualità a testimoniare le capacità e l’impegno del nostro territorio verso la promozione dell’eccellenza nel Mediterraneo e rafforzare la cooperazione tra le istituzioni e le persone che lavorano per raggiungere questo obiettivo. Cos’è il Premio Elissa – Didon della Fondation Tyr. Il premio della Fondazione Tyr è stato ideato per la promozione della condizione della donna nel Mediterraneo è destinato a distinguere e onorare il contributo significativo di una personalità femminile o istituzione che opera per il rafforzamento e l’uguaglianza di possibilità e affermazione del ruolo delle donne nella società del bacino del Mediterraneo. Questo è un premio annuale che premia due vincitori provenienti dalle due sponde del Mediterraneo: uno dei Nord e Sud. La prima edizione del Premio si è svolta in una cena di gala nel prestigioso Museo dell’Acropoli di Atene il 12 ottobre 2014, in presenza di eminenti personalità.
Per la prima edizione del Premio Elissa – Didon sono stati assegnati quattro premi a: Lady Yvonne COCHRANE (Libano) in riconoscimento del suo impegno in difesa e conservazione del patrimonio libanese, la signora Rodi Kratsa (Grecia), in riconoscimento del suo sostegno per la promozione delle donne nel Mediterraneo, La signora Cherifa Kheddar (Algeria) in riconoscimento della sua lotta contro gli abusi famiglie di terrorismo, la signora Souhair Belhassen (Tunisia) in riconoscimento della sua lotta per i diritti di uomini e donne. Per la seconda edizione, sono stati assegnati i premi a Theofila signora Martinez (Spagna), membro del parlamento ed ex sindaco Cadice in Spagna per i suoi altissimi meriti a favore della cultura e del patrimonio Phenicien; e alla signora Khadijah El Salame (Yemen) regista yemenita che si batte per i diritti delle ragazze minori che cadono preda della violenza. La premiazione si è svolta nel Parlamento Europeo a Bruxelles alla presenza del Presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz che ha presentato il premio a quindici parlamentari europei.

PRESENTAZIONE Programma Med 21

Nel 2010 il Prof. Aziza lancia un’iniziativa dal carattere innovativo: la creazione di una rete di Promozione dei premi di eccellenza per il rafforzamento della cooperazione euro – mediterranea in campo economico, sociale, culturale e scientifico.

Questa iniziativa si basa su un concetto originale perché tutti i premi creati o da creare portano il nome di una figura di primo piano nella storia nazionale di un paese che si affaccia sul Mediterraneo per soddisfare le esigenze legittime di un recupero d’identità serenamente assunto e, allo stesso tempo, tutti i lavori di premi per la promozione presente e futura operano in settori importanti dello sviluppo umano in uno spirito di apertura, dialogo e cooperazione con i diversi popoli, culture e tempi che compongono la diversità Mediterraneo”.

IL SERVIZIO DEL TG8

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Pescara: Festival Mediterraneo della Laicità"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*