Regione Abruzzo, un po’ di respiro per la cultura

Un momento del concerto di Riccardo Muti a Reggio Calabria dove ha diretto i giovani musicisti appartenenti a 42 complessi bandistici, nella piazza d'Armi della Scuola Allievi Carabinieri, Reggio Calabria, 31 luglio 2012. ANSA/ UFFICIO STAMPA ++HO - NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

Regione Abruzzo, un po’ di respiro per la cultura. Saranno “iniziative culturali di elevato livello qualitativo” a ricevere i fondi stanziati dalla Giunta regionale per complessivi 293.000 euro.

L’assegnazione è stata decisa stamane dalla Giunta regionale che, su proposta del presidente Luciano D’Alfonso, ha ripartito le risorse destinate a sostenere una serie di manifestazioni che “per la consolidata tradizione e per l’elevato livello qualitativo, sono state considerate meritevoli di finanziamento”.
Da tenere presente che si tratta di iniziative realizzate durante l’anno che sta per finire e che il contributo della Giunta regionale arriva a coprire solo una parte delle spese già sostenute e rendicontate.

Questo l’elenco delle manifestazioni ammesse a finanziamento e i relativi importi: Cantieri dell’immaginario, L’Aquila (15mila euro); Presepe vivente, Rivisondoli (10mila); Concorso internazionale di canto Maria Caniglia, Sulmona (24mila); Festival delle letterature dell’Adriatico, Pescara (15mila); Capodanno in piazza, Pescara (10 mila); Pescara international arts festival (35mila); Premio Città di Penne (10mila); Rassegna Matta, Pescara (10mila); Premio Pigro Omaggio a Ivan Graziani, Teramo (10mila); Premio G. Di Venanzo, Teramo (15mila); Teramo città aperta al mondo (20mila); Festival dei Teatri, Giulianova (10mila); Premio Michetti, Francavilla al mare (20mila); Settimana Mozartiana, Chieti (20mila); Vasto Film Festival, Vasto (15mila); celebrazione del centenario dell’Istituto nazionale Tostiano, Ortona (10mila); Estate musicale frentana, Lanciano (20mila); Festival letterario John Fante, Torricella Peligna (14mila); Fondazione Bertrando e Silvio Spaventa, Bomba (10mila).

Un ulteriore assegnazione di risorse sarà inserita nella delibera di Giunta che si occupa delle manifestazioni derivanti dall’utilizzo della quota del Fondo unico regionale per la cultura (Furc) da destinare a soggetti non inseriti nel Fus (Fondo unico dello spettacolo, del ministero dei Beni culturali). Agli eventi elencati di seguito spetta il 20% del Furc: Rigenerazioni, comune dell’Aquila; L’Aquila jazz; Premio Scanno; Premio Silone; Sulmona Film Festival; Indierocket Festival, Pescara; Il fiume e la memoria, Pescara; Premio Flaiano, Pescara; Teatro e altri luoghi, Popoli; attività culturali Spoltore; Premio Dean Martin, Montesilvano; Maggio Fest, Teramo; Cineramnia, Teramo; Festival del teatro comico, Teramo; Castelbasso cultura; Stagione teatrale 2015, Teramo; programma attività 2015, Giulianova; Toson d’oro, Vasto. Una terza delibera di Giunta dovrà ripartire il restante 80% del Furc, la cui dotazione finanziaria è stata incrementata dalla recente variazione di bilancio che l’ha portata a 1,4 milioni di euro.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Regione Abruzzo, un po’ di respiro per la cultura"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*