Pescara: restauro del libro più antico

Pescara: restauro del libro più antico conservato in città. Si tratta di un documento di Plinio il Vecchio stampato nel 1496.

In municipio questa mattina la presentazione del restauro dell’incunabolo di Plinio il Vecchio “Historia Naturalis”, stampato a Venezia nel 1496 e di proprietà del Comune di Pescara.
Il documento è da annoverare fra le testimonianze più antiche presenti nella città adriatica che un tempo era conservato nella biblioteca Vittoria Colonna e poi in quella del Museo Genti D’Abruzzo . Domani il prezioso volume sarà riconsegnato alla città nel corso di una cerimonia che si svolgerà alle ore 18 nella sala Tosti all’Aurum. L’assessore comunale al Patrimonio Culturale Paola Marchegiani e il Sovrintendente ai Beni librari e Biblioteche D’Abruzzo Dott. Francesco Tentarelli hanno riferito che il volume giaceva nel fondo Giovanni Panza prima di essere trovato e diventasse riferimento per studiosi ed Università nazionali ed internazionali. Un restauro con successiva restituzione alla città che cade nel 550esimo anniversario della pubblicazione del primo libro in Italia e della morte del primo stampatore italiano Aldo Manuzio.

 

Sii il primo a commentare su "Pescara: restauro del libro più antico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*