Web: attenti al virus e ai ladri di memoria

virus-webvirus-web

Occhio al Web: un virus tramite mail cripta il contenuto del computer. Per riavere i file, i ladri di memoria chiedono un vero e proprio riscatto.

Sono una decina dall’inizio dell’anno le denunce presentate in Abruzzo per il virus informatico cryptolocker. Negli ultimi mesi del 2014 se ne contano invece una quarantina. I dati sono stati forniti, a Pescara, dalla dirigente della polizia postale Elisabetta Narciso. Il virus si diffonde tramite mail e riesce a criptare il contenuto delle memorie dei computer. Per riaprire i file e rientrare in possesso dei propri documenti gli utenti devono pagare un riscatto. Per garantire la sicurezza di chi naviga in rete, la polizia postale ha aumentato le misure prevenzione e nei giorni scorsi ha infatti sgominato, a livello nazionale, un’organizzazione criminale per associazione per delinquere finalizzata all’accesso abusivo informatico, estorsione on line e riciclaggio degli proventi illeciti realizzati mediante la diffusione del virus cryptolocker.

La polizia postale consiglia di “tenere sempre aggiornato il software del proprio computer, munirsi di un buon antivirus, fare sempre un backup e fare attenzione alle mail che arrivano, specialmente se non attese, evitando di cliccare sui link o di aprire gli allegati”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Web: attenti al virus e ai ladri di memoria"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*