Violenza donne: Lavoro e braccialetto elettronico per vittime

Violenza donne: Lavoro e braccialetto elettronico per vittime; sono queste alcune proposte avanzate dalla Commissione Pari Opportunità della Regione in sintonia con l’assessore regionale Marinella Sclocco.

L’Abruzzo  tra le prime regioni in Italia per nascita e sviluppo di imprese al femminile. Solo quest’anno sono nate 2 mila e 300 nuove attività finanziate con i fondi del microcredito e l’80% di queste è gestita e ideata da donne. Questo anche frutto della politica intrapresa dalla Regione su un settore particolarmente delicato.  Inoltre da segnalare gli otto progetti finanziati dall’assessorato  per sostenere i voucher di tirocini formativi da destinare ai soggetti svantaggiati, tra cui le donne vittime di violenza. E  sempre in tema di tutela contro la violenza, Marinella Sclocco assicura:

“Stiamo rivedendo la legge regionale numero 31 a sostegno dei centri antiviolenza, perché l’attuale non è più in linea con le aspettative delle reali esigenze delle donne maltrattate. C’è bisogno di stabilire nuovi criteri per destinare i fondi ad associazioni che abbiano una valida expertise nella gestione delle vittime di violenza, mediante la creazione di un vero e proprio albo che accrediti le strutture e le professionalità che si trovano al loro interno”. 

Tra gli altri progetti messi in campo da Assessorato Regionale alle Pari Opportunità e Commissione Regionale Pari opportunità anche  un’Applicazione  “Mai Sola”  e la creazione di un nuovo progetto che preveda il varo di un braccialetto elettronico da destinare alle donne per monitorare gli spostamenti degli stalker.

“E’ un progetto pilota – spiega Gemma Andreini, presidente della Commissione regionale Pari Opportunità – da realizzare di concerto con un pool di esperti, tra cui università, forze dell’ordine e autorità giudiziaria, al fine di creare ed installare sui polsi delle donne che hanno denunciato episodi di violenza un braccialetto che monitori gli spostamenti dei loro stalker, nei confronti dei quali viene emessa un’ordinanza che vieti loro di avvicinarsi a coloro che li hanno denunciati”.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Violenza donne: Lavoro e braccialetto elettronico per vittime"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*