Vasto, 29enne russo investito e ucciso sulla statale

Un giovane di 29 anni, di nazionalità russa, è stato investito e ucciso sulla statale 16 da un’automobile guidata da un coetaneo di Vasto.

Il giovane camminava a piedi sul ciglio della strada quando la macchina, con a bordo il conducente e altri tre amici, lo ha travolto uccidendolo. I quattro avevano trascorso la serata nel vicino Molise, l’incidente è avvenuto intorno alle 3.30, sulla statale 16, nei pressi di Montenero di Bisaccia. Il conducente, probabilmente a causa del buio, non ha visto in tempo il giovane che procedeva a piedi. Ai carabinieri ha raccontato che, sentito il tonfo, si è fermato ed è sceso dall’auto. Resosi conto della gravità della situazione, ha prestato i primi soccorsi e ha chiamato il 118 e le forze dell’ordine. L’ambulanza è arrivata poco dopo, ma tutti i tentativi di rianimare il giovane russo sono risultati vani, a causa delle gravi lesioni riportate nell’impatto con l’auto. La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale San Timoteo di Termoli, in attesa del parere del magistrato. I carabinieri di Termoli, coordinati dal comandante della Compagnia Fabio Ficuciello, stanno cercando di chiarire l’esatta dinamica dei fatti e perché la vittima, che non risiedeva nei dintorni, si trovasse in piena notte a camminare lungo la statale 16. Il conducente dell’auto è stato sottoposto ad alcol test e esame tossicologico, risultati negativi. Non si sa ancora se il giovane russo avesse amici o parenti nella zona.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Vasto, 29enne russo investito e ucciso sulla statale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*