Uda: Ima, sindacati ancora sul piede di guerra.

UdA

Uda: Ima, sindacati ancora sul piede di guerra. Dopo le osservazioni dei Revisori dei Conti dell’Ateneo D’Annunzio le organizzazioni sindacali attendevano di essere riconvocate per la trattativa. Oggi nuova protesta a Chieti.

Lo scontro tra le organizzazioni sindacali e i vertici dell’università “d’Annunzio” di Chieti e Pescara prosegue sull’IMA. Dopo essere stata tolta un anno fa dal direttore generale Filippo Del Vecchio erano piovute proteste e polemiche che lo scorso 29 luglio avevano portato alla firma di un contratto per la restituzione dell’indennità mensile accessoria. I Revisori dei Conti hanno però effettuato delle osservazioni. In base all’articolo 5 , comma 3 , del Contratto collettivo dei lavoratori delle Università , se ci sono osservazioni dei Revisori , la trattativa deve riprendere dopo 15 giorni. I sindacati , la Rsu e i 366 dipendenti dell’Ateneo questa mattina hanno incontrato il Rettore Carmine Di Ilio per avere notizie . La riunione è stata animata e preceduta da una polemica dovuta alla presenza di agenti della Digos della Questura teatina . Da qui le critiche dei rappresentanti dei lavoratori dell’Ateneo che hanno puntato l’indice sui comportamenti assunti dai vertici dell’Università.

Il servizio sull’incontro presso il Rettorato dell’Università d’Annunzio a Chieti:

 

 

Sii il primo a commentare su "Uda: Ima, sindacati ancora sul piede di guerra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*