Truffa dell’Aston Martin: Giovedì la sentenza

Truffa dell’Aston Martin: Giovedì la sentenza nella sede distaccata di Ortona, a carico del noto ristoratore pescarese Michele Cicchini.

I fatti risalgono al 2010 quando Cicchini, 71 anni titolare del noto locale Sea River, propose al noto parrucchiere francavillese Fiorenzo Di Lizio, l’acquisto di una prestigiosa Aston Martin Db9, valore commerciale sui 150 mila euro, prezzo di favore sui 140 mila euro. Cicchini – secondo l’accusa – avrebbe fatto da intermediario tra Di Lizio e gli altri due imputati, entrambi pugliesi, Antonio Pedone di 43 anni di Bisceglie e Alessandro Losapio 38 anni. La vittima avrebbe versato in due tranches 70 mila euro, ma della lussuosa Aston Martin nemmeno l’ombra. Da qui la denuncia ed il relativo processo per truffa che si concluderà giovedi prossimo nella sede distaccata di Ortona.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Truffa dell’Aston Martin: Giovedì la sentenza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*