Trafitto al volto a Lanciano: Salvato dai chirurghi

Trafitto al volto a Lanciano: Salvato dai chirurghi al termine di un intervento delicatissimo svolto a 4 mani.

La vicenda risale a qualche giorno fa quando al Pronto Soccorso si é presentato un uomo con il volto insanguinato ed un forte dolore all’occhio. Ha raccontato di essere caduto a faccia in giù su una siepe, mentre falciava l’erba in un campo. Dopo una serie di accertamenti si é scoperto l’incredibile: un consistente frammento ligneo si é conficcato nell’orbita destra fino a penetrare con la punta la zona temporale del cervello. Il caso é stato dunque valutato dal neurochirurgo Vincenzo Magliani e dal chirurgo maxillo-facciale Lanfranco D’Archivio, i quali hanno sottoposto l’uomo a un delicato intervento chirurgico a quattro mani per la rimozione del legnetto.

“Si é trattato di un caso complesso – spiega D’Archivio – un trauma orbitario raro, con la penetrazione di corpo estraneo non limitata solo all’orbita, senza peraltro danneggiare l’occhio, ma estesa fino al lobo temporale, a livello della base cranica, sede anatomica di importanti strutture vascolari e nervose. Un tragitto reso possibile, probabilmente, dall’elasticità del ramoscello stesso che, piegandosi contro le pareti ossee orbitarie, é avanzato in sede intracranica, sfiorando anche i rami nervosi che provvedono alla motilità dell’occhio”

Una particolare complessità confermata anche dal neurochirurgo Vincenzo Magliani per via del rischio di importanti emorragie a livello della base cranica. Un’eventualità che non si é verificata, grazie anche all’angiorisonanza magnetica particolarmente dettagliata, eseguita dal primario radiologo Antonio Sparvieri, che ha consentito ai chirurghi di intervenire con grande precisione. Anche il decorso post operatorio non ha presentato complicazioni ed il paziente ora sta bene.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Trafitto al volto a Lanciano: Salvato dai chirurghi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*