Tollo, dopo l’incidente lutto e silenzio, “ma ora riflettere”

Dopo il dramma che ha vissuto Tollo con l’incidente in cui sono stati coinvolti tre giovani, due dei quali hanno perso la vita, il sindaco Angelo Radica fa affiggere un manifesto-lettera aperta, per invitare la comunità alla riflessione e alle azioni positive. Pubblichiamo integralmente il documento.

 

Cari concittadini,

da primo cittadino di Tollo sento il dovere di intervenire riguardo agli ultimi accadimenti luttuosi che hanno colpito l’intera nostra comunità.

Il nostro tessuto sociale, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, è sano e i tollesi sono persone generose e laboriose. In tutti i momenti di difficoltà abbiamo ritrovato la forza di stare insieme, di stringerci attorno a chi aveva bisogno sia di beni materiali sia di affetto, di vicinanza e sostegno morale. Lo abbiamo dimostrato negli ultimi tempi con la vicinanza ai cittadini aquilani colpiti dal terremoto nel 2009, con le donazioni nelle tante iniziative di raccolta fondi a fini benefici, come per il terremoto che ha colpito Amatrice e altri comuni e infine in occasione della perdita di due giovani e bravissimi ragazzi: Lorenzo e Sebastian.

Riguardo a questo tragica vicenda che ha colpito tre famiglie tollesi, dopo il momento del lutto e del silenzio, ora è il momento della riflessione e dell’azione.

Istituzioni civili, religiose, militari, famiglie e singoli cittadini dobbiamo tutti insieme far sentire la vicinanza alle persone che vivono momenti di difficoltà economica, sociale e di debolezza.

Il bisogno di compiere eccessi in comportamenti che si manifesta spesso attraverso le trasgressioni e la ricerca del rischio, può mettere in pericolo anche la vita umana; per questo noi tutti, a seconda delle proprie possibilità, abbiamo il dovere di diventare un punto di riferimento per i più vulnerabili per far sì che ognuno di noi possa guardare con fiducia al futuro, sentirsi parte di una comunità che si prenda cura di ognuno e non abbandoni nessuno a se stesso.

Il mio invito è rivolto soprattutto alle istituzioni educative, a chi ha ruoli di guida e di controllo.

Noi faremo la nostra parte ogni giorno. Dal prossimo autunno intensificheremo le occasioni di socializzazione tra tutti, in particolare per i più giovani, avvieremo momenti di incontro/confronto su tematiche a rischio, coinvolgendo professionisti ed esperti.

Facciamo in modo che nel nostro paese nessuno ceda allo sconforto e si possa sentire mai solo.

Vi abbraccio e vi saluto tutti con affetto.

 

Tollo, Giugno 2018

 

Il Sindaco di Tollo Angelo Radica

Sii il primo a commentare su "Tollo, dopo l’incidente lutto e silenzio, “ma ora riflettere”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*