Terremoto, danni in chiesa del ‘400 a Torricella

Allarme dell’Associazione alpini di Torricella per la chiesa quattrocentesca di Santa Apollinare a Poggio Valle di Torricella Sicura, chiusa dopo il sisma del 2009 e ulteriormente danneggiata nei giorni scorsi.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del raduno regionale degli alpini, in programma a Castellalto nel week-end, il capogruppo di sezione, Orfeo Tassoni, ha rivolto un appello all’assessore regionale Mario Mazzocca presente all’incontro. “La chiesa è chiusa dal sisma del 2009 – ha detto Tassoni – e la scossa del 24 agosto ha fatto crollare una delle tre volte. C’è bisogno di un intervento urgente. Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, dall’amministrazione come dalla Curia”. Nella frazione torricellese, la più vicina al confine con le zone colpite dal sisma, gli abitanti, dopo il catastrofico sisma del novembre del 1972, che fece crollare tutte le abitazioni, hanno ricostruito da soli le case con criteri antisismici, con tetti in legno e reti nelle intercapedini, “e sia nel 2009 sia questa volta non abbiamo subito alcun danno”, ha aggiunto Tassoni. La chiesa di Santa Apollinare, eretta nel 1400, ampliata e ristrutturata nel 1850, custodisce due dipinti del ‘600 – uno dei quali danneggiato – e un prezioso organo a mantice del ‘400. Dall’assessore Mazzocca è giunto l’impegno a recarsi a Poggio Valle nel suo prossimo giro nel Teramano, per la verifica dei danni del sisma.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Terremoto, danni in chiesa del ‘400 a Torricella"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*