Abruzzo, ladre latitanti prese grazie a Facebook

pescara-maltratta-madre-per-droga

Abruzzo, ladre latitanti prese grazie a Facebook.  I cittadini dell’area di Castelnuovo Vomano, nel teramano, con un intervento letteralmente “social” hanno consentito agli uomini della questura di Avezzano di acciuffare due donne evase dai domiciliari.

Sbatti la ladra in prima pagina (di Facebook): sembra abbia funzionato l’idea dei cittadini della Val Vomano che, in un certo senso, hanno contribuito alla cattura di due rom pregiudicate. Una macchina senza assicurazione guidata da una donna senza patente che, insieme alla complice, ha cercato di sfuggire alla polizia. Questi gli ingredienti dell’episodio consumatosi sulle strade d’Abruzzo. Segnalate da giorni sul gruppo Facebook in cui i cittadini inserivano informazioni sull’avvistamento dell’autovettura, le due donne sono state fermate dagli agenti della Volante di Teramo, nell’ambito dei potenziati servizi di controllo contro furti e rapine. La pattuglia ha rintracciato l’auto sulla strada statale 150, a bordo c’erano due donne di origine Rom, latitanti anche per un ordine di custodia cautelare emesso dal Tribunale di Avezzano e sospettate di alcuni furti in abitazioni. Al termine di un breve inseguimento, sono state bloccate e identificate una ventenne e una ventunenne, entrambe pluripregiudicate per furti, truffe e rapine e recentemente evase dagli arresti domiciliari in Roma. Sarebbero loro le autrici anche dei furti commessi in Val Vomano.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo, ladre latitanti prese grazie a Facebook"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*