Teramo, ubriaco arrestato per oltraggio e minacce

polizia-notte1polizia-notte

A Teramo un ubriaco è stato arrestato per oltraggio e minacce alla polizia durante una manifestazione estiva.

Una vera e propria ubriachezza molesta: un giovane di 24 anni si è fatto notare per aver dato spettacolo durante la manifestazione “Un Capodanno di Fine Estate”, tenutasi la notte scorsa in Piazza Martiri a Teramo.

“Ancora una volta – si legge nel comunicato della questura di Teramo –  l’attività di prevenzione e vigilanza della Volante in occasione di manifestazioni deve fare i conti sempre più con giovani intemperanti che non condividono la legalità.

L’episodio è accaduto alle 3 di notte; una volante della polizia stava pattugliando la piazza che ospitava la manifestazione, quando il ventiquattrenne, teramano, appena visti gli agenti ha subito iniziato ad inveire molto violentemente, minacciando di morte i poliziotti. Un evidente rancore nei confronti delle forze dell’ordine, per ragioni non chiare, che ha spinto il giovane ubriaco a dare in escandescenze fino a diventare aggressivo. Quando gli agenti gli hanno chiesto i documenti per accertare le sue generalità, il ventiquattrenne ha tentato di fuggire ma è stato bloccato dopo una colluttazione. Il giovane, agitatissimo, si divincolava tirando calci e pugni e ferendo uno degli agenti intervenuti.  Lo “show” notturno è terminato in questura, il giovane è stato arrestato per minaccia grave, oltraggio, resistenza e lesioni a Pubblico ufficiale, ubriachezza molesta.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Teramo, ubriaco arrestato per oltraggio e minacce"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*