Teramo: Omelia contestata da un musulmano

Teramo: Omelia contestata da un musulmano, é accaduto domenica scorsa al Cuore Immacolato di Maria al termine della funzione religiosa officiata da Padre Guido D’Ippolito.

Al termine della messa tre persone, due uomini ed una donna, di nazionalità egiziana si sono avvicinati al sagrato e dopo una breve discussione, uno di loro ha preso il microfono ed ha cominciato a spiegare le sue ragioni in tono animato. Per farlo desistere sono dovuti intervenire alcuni fedeli. Pare non sia la prima volta che l’uomo intervenga in maniera energica al termine delle funzioni religiose, sull’accaduto anche le forse dell’Ordine stanno vigilando. A scatenare le ire del cittadini egiziano alcune considerazioni di padre Guido D’Ippolito, passionista molto conosciuto dalla comunità religiosa teramana, sulla religione islamica e soprattutto su alcune rivendicazioni che in un periodo storico molto delicato come quello che stiamo vivendo, sono state ritenute particolarmente deboli. Considerazioni che evidentemente non sono piaciute al cittadino egiziano il quale, però, non si comprende per quale motivo abbia assistito ad una funzione cattolica.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Teramo: Omelia contestata da un musulmano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*