Teramo: maestra assolta, non schiaffeggiò l’alunno

In una scuola elementare della provincia di Teramo maestra finita sotto processo per abuso dei mezzi di correzione assolta “perché il fatto non sussiste”.

A denunciare l’insegnante fu una mamma, ma il racconto -ha scritto il giudice onorario Massimo Biscardi nelle motivazioni della sentenza- è apparso poco credibile, soprattutto alla luce delle testimonianze degli altri genitori dei bimbi della classe, i quali hanno evidenziato quanto la maestra fosse attenta e premurosa con gli alunni. Nessuno schiaffo, insulto, e nemmeno orecchie tirate o sale in testa all’alunno, dunque da parte dell’insegnante che all’epoca dei fatti (nel 2015) era supplente e che nel frattempo è entrata di ruolo.
La mamma, dopo aver presentato denuncia, non si è costituita parte civile nel processo. L’insegnante assolta era assistita dall’avvocato Wania della Vigna (nella foto).

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Teramo: maestra assolta, non schiaffeggiò l’alunno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*