Tari Montesilvano: In coda per le cartelle pazze

Caos bollette Tari a Montesilvano: In coda per le cartelle pazze. Centinaia di cittadini in fila per chiarire numerosi errori. Proteste in Comune.

Giorni difficili a Palazzo Baldoni, a Montesilvano, dove quotidianamente decine e decine di cittadini si stanno recando per chiedere delucidazioni in merito alla cartelle di pagamento per la tassa dei rifiuti. Presunti errori di calcolo, sia in relazione al numero dei residenti che all’ampiezza delle abitazioni. Le scadenze fissate alla fine di ogni mese di settembre, ottobre, novembre e dicembre. Particolarmente vessati i gestori di alcuni locali chiamati a pagare anche il doppio di quanto ritengono di dover pagare, mentre dall’Opposizione il consigliere di Abruzzo Civico Lino Ruggiero e di Montesilvano Democratica Paolo Rossi si scagliano contro il sindaco Maragno reo di aver salassato la cittadinanza costringendola a pagare due volte la Tari senza offrire, per altro, sul tema rifiuti, un servizio all’altezza.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Tari Montesilvano: In coda per le cartelle pazze"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*