Spari a Capistrello: Episodio ancora avvolto dal mistero

Spari a Capistrello: Episodio ancora avvolto dal mistero quello accaduto sabato sera al Bar Crazy in pieno centro a Capistrello, dove un giovane, Simone Di Felice, ha esploso due colpi di fucile tra la folla.

Il giovane, molto conosciuto in paese perchè gioca nella locale squadra di calcio che milita nel campionato d’Eccellenza, era nel bar con un suo amico, secondo le testimonianze si sarebbe allontanato per poi tornare con un fucile tra le mani. Ha esploso un primo colpo sul pavimento sfondandolo, e poi un altro in aria ed é poi fuggito. Comparso ieri in tribunale ad Avezzano davanti al Gip Anna Carla Mastelli, Di Felice non ha saputo spiegare le ragioni del suo gesto, avvalendosi della facoltà di non rispondere. In attesa del processo che si terrà il prossimo 12 aprile, per Di Felice il giudice ha stabilito l’obbligo di dimora con il divieto di uscire dalla propria abitazione dalle 22.00 alle 7.oo.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Spari a Capistrello: Episodio ancora avvolto dal mistero"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*