San Demetrio, ricostruzione ferma al palo: scatta la protesta

Con appena un terzo delle pratiche relative alla ricostruzione portate realmente a termine, nei Comuni a est della città, rientranti nel cosiddetto ufficio territoriale numero 8, tutto resta fermo, la ricostruzione è in stallo quasi totale.

Sono 300 le pratiche dei Comuni di questa parte di territorio rimaste a oggi inevase, per capire la lentezza con cui si procede, basti dire che sono appena 33 le pratiche invece portate a termine per il solo Comune di San Demetrio ne’ Vestini. Una situazione di stallo che sta creando per l’Utr numero 8 una tensione sociale.

Dopo mesi di impasse, i presidenti dei consorzi di uno dei Comuni più grandi ricompresi nell’Utr, San Demetrio appunto, hanno preso carta e penna e scritto una lettera aperta al sindaco Silvano Cappelli, che ora si fa portavoce del malessere dei proprietari di abitazioni che, di questo passo, non vedranno avviata la ricostruzione nemmeno fra tre anni. Alla base dello stallo c’è il problema dei problemi: la carenza di personale.

Il servizio :

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "San Demetrio, ricostruzione ferma al palo: scatta la protesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*