Residenze facili, a Teramo sospesi 4 ufficiali stato civile

Dopo le dieci ordinanze cautelari di divieto di dimora in provincia di Teramo, emesse quest’estate nei confronti di altrettanti titolari di agenzie di intermediazione, questa mattina, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Teramo sulle residenze ‘facili’ per l’ottenimento della cittadinanza da parte di cittadini brasiliani con avi italiani, sono stati raggiunti dalla sospensione dal servizio per dieci mesi i quattro ufficiali di stato civile dei Comuni di Pineto, Roseto, Notaresco e Castellalto finiti sotto inchiesta.

Tutti e quattro sono accusati di falsità ideologica in atto pubblico ed abuso d’ufficio continuato ed in concorso. A firmare le misure, eseguite dalla Squadra Mobile, il gip Roberto Veneziano, che ha invece rigettato la richiesta del pm Stefano Giovagnoni di applicare la stessa misura anche ad otto vigili che nel frattempo sono stati spostati in parte ad altri incarichi ed in parte in altre città. Nel corso delle indagini sarebbe infatti emerso come in ben 690 casi le cittadinanze richieste da brasiliani nei comuni interessati dall’inchiesta e relative agli anni 2015-2017 fossero state rilasciate senza i relativi presupposti. Tra questi proprio quello della dimora abituale in Italia. Un meccanismo che, secondo la Procura, avrebbe garantito ai titolari delle varie agenzie di intermediazione coinvolte un ingiusto profitto patrimoniale che andava dai 3 ai 4 mila euro a straniero. A far scattare le indagini, circa due anni fa, era stato l’altissimo numero di richieste di passaporto italiano presentate in Questura da parte di cittadini brasiliani che avevano ottenuto la cittadinanza nei quattro comuni incriminati. Brasiliani che, nella stragrande maggioranza dei casi, non avrebbe avuto alcuna dimora abituale negli appartamenti indicati, requisito necessario per perfezionare l’iter ed ottenere la cittadinanza.

 

 

Sii il primo a commentare su "Residenze facili, a Teramo sospesi 4 ufficiali stato civile"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*