RdC e potenziamento centri impiego, USB Abruzzo chiede risposte

Il sindacato USB chiede risposte in merito al Reddito di Cittadinanza in Abruzzo e al potenziamento dei centri per l’impiego. Conferenza stampa sotto l’assessorato regionale al lavoro di Pescara.

“Si apre la fase 2 per gli oltre 14 mila destinatari del Reddito di Cittadinanza in Abruzzo – spiega l’USB – con le convocazioni ai CPI dei beneficiari. Ma, con le gravi carenze di personale dei Centri Per l’Impiego in tutte le province abruzzesi, ci chiediamo come sarà fattivamente possibile affrontare una mole così grande di beneficiari da seguire nella ricerca di un lavoro. Sembrerebbe che la Regione Abruzzo, con l’assessore al lavoro Fioretti, sia pronta a proporre un bando di concorso per le assunzioni nei CPI. Il sindacato USB aveva già aperto un tavolo con l’assessore Fioretti e il consigliere Marcovecchio sul riconoscimento dell’anzianità di servizio nei CPI di quei dipendenti che negli ultimi anni si sono susseguiti a prestarvi servizio in forma precaria. Da due mesi le comunicazioni si sono interrotte, alle nostre segnalazioni e richieste d’incontro non è ci è pervenuta più alcuna risposta. Pertanto convochiamo una conferenza stampa per denunciare una situazione che senza risposte precise e puntuali rischia di restare – conclude l’USB – nell’incertezza a danno di lavoratori e cittadini”.

Il servizio del Tg8

Sii il primo a commentare su "RdC e potenziamento centri impiego, USB Abruzzo chiede risposte"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*