Protesta Piccoli Comuni: Abruzzo a Roma

Protesta Piccoli Comuni: come promesso, i primi cittadini di alcuni comuni italiani (sotto i 5.000 abitanti) sono arrivati oggi a Roma.

Davanti alla Camera dei Deputati, tuttavia, la partecipazione sembra al di sotto delle aspettative: rispetto ai circa 1.200 aderenti all’Associazione nazionale piccoli Comuni d’Italia (Anpci), sono giunte nella capitale solo 150 municipalità, ciascuna rappresentata dal proprio sindaco in fascia tricolore. Al grido di “Lasciateci lavorare!” i piccoli comuni contestano soprattutto per le ragioni illustrate oggi dalla presidente dell’Anpci Franca Biglio (sindaco di Marsaglia nel cuneese). . Tra gli altri motivi essenziali della protesta figurano il Patto di stabilità “che blocca gli investimenti e chiude migliaia di aziende locali” e la centrale Unica di Committenza, attraverso la quale devono passare tutti gli acquisti della pubblica amministrazione: “Dilata tempi e costi” conclude la Biglio. Tra gli incontri romani previsti, i sindaci dovrebbero incontrare anche il ministro dell’interno Angelino Alfano.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Protesta Piccoli Comuni: Abruzzo a Roma"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*