Processo Bussi Bis: Entro Natale la sentenza

discarica-bussi1discarica bussi1

Processo Bussi Bis: Entro Natale la sentenza. Dopo quella di stamattina, infatti, prevista un’altra udienza il 16 dicembre e quella che dovrebbe essere conclusiva il 22.

Stamane, intanto, all’aula 8 del Tribunale di Pescara udienza interlocutoria nel corso della quale il giudice Maria Carla Sacco ha inteso porre ancora alcuni quesiti al perito della difesa, l’esperto chimico Lino Prezioso, il quale già nella scorsa udienza aveva ampiamente relazionato sul tema, giungendo alla conclusione che, in base ai rapporti dell’Arta, non vi é stato nessun superamento dei limiti di legge dell’acqua distribuita perchè negli unici quattro casi nei quali é stata riscontrata la presenza di sostanze inquinanti, questa é stata segnalata al collettore, prima della miscelazione e dunque della diretta distribuzione. Ricordiamo che in questo procedimento, stralcio del filone principale già dibattuto in Corte d’Assise a Chieti ed ora in attesa di giudizio in Corte di Cassazione, sono imputati gli ex vertici Ato e Aca, Giorgio D’Ambrosio e Bruno catena; il direttore generale e tecnico dell’Aca Bartolomeo Di Giovanni e Lorenzo Livello, e l’ex responsabile del servizio Sian della Asl di Pescara Roberto Rongione, tutti devono rispondere del reato di distribuzione di acqua avvelenata. Secondo l’accusa, infatti, sapevano dell’inquinamento dell’ormai tristemente nota discarica dei veleni Tremonti, ma non avvisarono la popolazione  nè adottarono misure per eliminare o impedire la distribuzione dell’acqua. La perizia di Lino Prezioso rappresenta un punto di forza per la difesa, anche se l’accusa fa particolarmente affidamento al rapporto dell’istituto Superiore di Sanità, nel quale si parlava di superamento dei limiti di legge, in base ai parametri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, per alcune sostanze particolarmente cancerogene come il cloruro di vinile, il tricloroetilene, il tetracloruro di carbonio ed il cloroformio.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Processo Bussi Bis: Entro Natale la sentenza"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*