Piazza Salotto Pescara: tensione al flash-mob per la difesa della famiglia

Piazza Salotto Pescara: tensione al flash-mob per la difesa della famiglia ieri sera, organizzato dall’associazione “Sentinelle in piedi” contro la proposta di legge che introduce il reato di omofobia.

La manifestazione, assolutamente pacifica, ha scatenato le ire di altre associazioni che hanno tentato di contrastare l’evento, tanto da rendere necessario l’intervento del Questore e della Forze dell’Ordine impegnate nel tenere a debita distanza le due fazioni. Intanto ad un angolo della Piazza alcuni studenti hanno inscenato un matrimonio tra persone dello stesso sesso. L’Associazione “Sentinelle in piedi”, sodalizio assolutamente non violento, ha inteso organizzare questo evento, ieri, in tutte le piazze italiane certamente non per promuovere l’omofobia, ma per ribadire il valore della libertà d’espressione che la proposta di legge dell’Onorevole Scalfarotto mette a rischio, e per la tutela della famiglia naturale fondata sull’unione tra uomo e donna.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

2 Commenti su "Piazza Salotto Pescara: tensione al flash-mob per la difesa della famiglia"

  1. Articolo assolutamente fuori luogo e scritto da persone che SPERO non abbiano nemmeno la licenza media per giustificare questo obrobrio..sottoscrivo ogni parola di Samuel Finocchio, ovvero:

    “Non ci sono state tensioni alcune, entrambe le parti e non solo quella degli omofobi hanno manifestato pacificamente.
    Il diritto di espressione e di insulto sono distinti inoltre non viene vietata la famiglia naturale quindi non c’è nulla da tutelare.
    Questo articolo ha solo lo scopo di spingere i lettori verso la parte delle sentinelle in piedi, dovrebbe essere un testo informativo e non un testo argomentativo”

  2. Samuel Finocchio | 07/12/2015 di 13:31 | Rispondi

    Non ci sono state tensioni alcune, entrambe le parti e non solo quella degli omofobi hanno manifestato pacificamente.
    Il diritto di espressione e di insulto sono distinti inoltre non viene vietata la famiglia naturale quindi non c’è nulla da tutelare.
    Questo articolo ha solo lo scopo di spingere i lettori verso la parte delle sentinelle in piedi, dovrebbe essere un testo informativo e non un testo argomentativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*