Aeroporto: critiche su nuove nomine Cda Saga

Aeroporto d’Abruzzo: critiche su due nuove nomine Cda Saga. L’allargamento del nuovo Cda della Saga, la Società che gestisce i servizi a terra dell’Aeroporto d’Abruzzo, da tre a cinque componenti, ha sollevato le critiche dell’ex assessore comunale, Armando Foschi, attuale componente dell’Associazione Pescara Mi Piace.

“Aver ingrossato di nuovo le fila del Consiglio d’Amministrazione della Saga, non salverà il nostro scalo, non eviterà l’abbandono da parte di Ryanair e soprattutto non risanerà quei conti oggi in condizioni disastrose. Ora, afferma Armando Foschi in una nota, torna a essere di drammatica attualità l’urgenza di commissariamento della Saga stessa da parte di Enac e Ministero dei Trasporti per fare piena luce su una gestione ballerina dell’azienda sulla quale ci sono troppe ombre mai fugate”.

“Da mesi continuiamo a denunciare una gestione drammatica dello scalo d’Abruzzo – ha ricordato Foschi -: ormai la Saga non riesce a produrre utili, forse aumenta il numero dei passeggeri, ma ha chiuso il bilancio al 31 dicembre 2014 con una perdita di 7milioni 740mila euro. Il 26 gennaio 2015 la Regione ha deciso una nuova ricapitalizzazione, per 7 milioni di euro, dopo che già la ricapitalizzazione del 2014, per 5milioni 972mila euro, era stata dichiarata illegittima dalla Corte Costituzionale visto che la Regione non aveva ricevuto l’approvazione preliminare della Commissione Europea, l’unica abilitata a giudicare se si trattasse di aiuti di stato compatibili. Sperando di bypassare tale inghippo, il Governo D’Alfonso si è inventato una nuova ‘ricapitalizzazione come aiuto al funzionamento dello scalo’, che però non esiste nella legge europea, e comunque poteva essere varato solo dopo l’approvazione del Piano industriale, ratificato solo il 7 settembre scorso, ovvero otto mesi dopo l’erogazione dei 7 milioni di euro. Ma comunque le continue iniezioni di denaro, mascherate sotto la parvenza delle ‘ricapitalizzazioni’, non salveranno i conti, visto che la Saga fa acqua da tutte le parti. Nei mesi scorsi abbiamo raccolto tutte le carte e abbiamo inviato il faldone all’esame della Corte dei Conti e dell’Enac chiedendo di commissariare la Saga e siamo in attesa delle determinazioni successive. Nel frattempo è arrivata la ciliegina sulla torta, ovvero la compagnia irlandese Ryanair che ha deciso la chiusura definitiva della base operativa di Pescara, con lo spostamento del vettore in altro scalo: la motivazione ufficiale sarebbe quella dell’aumento della tassa d’imbarco del Governo Renzi, ma in realtà dietro ci sarebbe un lento deterioramento dei rapporti tra i vertici di Ryanair e la governance di Saga, visto che peraltro su altri scali a noi vicini, come Ancona, la stessa compagnia ha già predisposto il potenziamento delle rotte. Oggi, dopo i mille impegni assunti nelle aule consiliari, il Presidente D’Alfonso ha trovato la sua ricetta personale per salvare, a suo giudizio, la Saga, ovvero riallargare il Cda da tre a cinque membri, una scelta antieconomica e che, ancora una volta, è incomprensibile e ha i contorni di un accanimento terapeutico: in sostanza l’ingresso dei due privati dovrebbe garantire la disponibilità di 2,5milioni di euro che si affiancheranno ai 2,5milioni di euro che la stessa Regione potrà erogare senza incorrere in infrazioni europee. Ma è chiaro che quei 2,5milioni dei privati non possono essere un contributo una tantum, ma dovranno diventare una costante annuale, vista la storia della Saga. Inoltre ci chiediamo da dove arrivi la disponibilità di una tale somma da parte della Dmc ‘Terre del piacere’, ovvero ci auguriamo non si tratti della stessa somma che la Regione eroga alla stessa Dmc attraverso lo sgravio Irap e che la Dmc rigirerà sulla Saga perché si tratterebbe comunque di aiuti di Stato, dunque vietati, e comunque sarebbero soldi degli abruzzesi. A questo punto – ha aggiunto Foschi – l’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ chiede di sapere quanto costerà sulle casse pubbliche il nuovo Cda della Saga e contestualmente torneremo a sollecitare l’intervento di Enac e Corte dei Conti per il commissariamento della società stessa”.

 

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

1 Commento su "Aeroporto: critiche su nuove nomine Cda Saga"

  1. Verso Ancona non c’è nessun potenziamento di rotte da parte di Ryanair. Anzi, è stata tolta Alghero e i bigiornalieri estivi per Londra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*