Città Sant’Angelo: profughi al lavoro per la città

città-sant-angelo

Città Sant’Angelo: profughi al lavoro per la città. Sedici immigrati richiedenti protezione internazionale nell’ambito del progetto Triton svolgeranno lavori socialmente utili insieme agli operai del comune di Città Sant’Angelo.

Un protocollo d’intesa è stato siglato questa mattina in prefettura a Pescara tra l’amministrazione comunale e  l’azienda pubblica di servizi alla persona  che in provincia di Pescara ospita 68 immigrati richiedenti asilo , a Città Sant’Angelo, Penne, Loreto Aprutino e Caramanico.

“Un servizio importante che viene svolto a titolo gratuito per la collettività” ha spiegato il sindaco Gabriele Florindi che ha siglato l’accordo insieme al suo vice Alice  Fabbiani, al presidente dell’Asp Dario Recubini, al prefetto Vincenzo D’Antuono e alla dirigente del settore immigrazione della prefettura Maria Di Cesare.

Sono numerose le iniziative per i profughi in tutta la regione, un fatto particolare si è verificato ad Avezzano.

Sii il primo a commentare su "Città Sant’Angelo: profughi al lavoro per la città"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*