Pescara: la Russia e il “Volto Santo”

Nuova sede, a Pescara, per l’associazione “Volto Santo”, il Centro Sviluppo Abruzzo e il Desk Camera di Commercio Italo-Russa.

Nei locali di Urban 2, in via Tavo a Pescara, messi a disposizione dall’amministrazione comunale, iniziative e collaborazione tra Italia e Russia, saranno portate avanti dall’associazione “Volto Santo”. Tra le altre, il Festival “Angeli del Mondo” bambini contro la guerra, ma anche eventi legati al commercio, all’industria, all’artigianato, per mettere in contatto imprenditori abruzzesi con quelli russi. Non ultimo, l’aspetto religioso, con la progettazione di una Chiesa cristiano – ortodossa a Pescara, aperta al culto. Si pensa poi ai profughi e agli immigrati che sono arrivati in Italia e in Abruzzo dai luoghi di guerra, in fuga dalla regione di Donbass, in Ucraina, diventata un cimitero a cielo aperto per via dei bombardamenti.

La responsabile dell’Associazione “Volto Santo”, Nataliya Kovalenko, ha chiesto, inoltre, al prefetto D’Antuono di coinvolgere tutti i sindaci della Provincia di Pescara, per mettere a disposizione dei profughi, edifici disabitati e terreni incolti che verrebbero risistemati e coltivati dagli stessi, per raggiungere, secondo Kovalenko, un traguardo sociale oltre che morale.

 

Sii il primo a commentare su "Pescara: la Russia e il “Volto Santo”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*