Pescara: in città con un falso documento, preso latitante macedone

Pescara: in città con un falso documento, preso latitante macedone destinatario di un ordine di carcerazione per reati contro il patrimonio.

Nella mattinata di ieri una pattuglia della Squadra Volante della Questura di Pescara si é recata presso un Hotel per notificare un provvedimento giudiziario ad un ospite dell’albergo. Durante il controllo, notando un certo nervosismo ed avendo qualche dubbio sull’autenticità del documento fornito, gli agenti hanno deciso di approfondire gli accertamenti scoprendo che i documenti erano stati smarriti e che il loro vero intestatario risultava essere una persona reclusa presso un Istituto di Pena sito a Torino. La reale identità, dunque, della persona controllata corrispondeva ad un certo Nicola Jankovik, cittadino macedone di 32 anni, a sua volta destinatario di un ordine di carcerazione per reati contro il patrimonio e dovendo scontare una pena minima di circa due mesi. L’uomo é stato così arrestato e ora dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria di false attestazioni rese sull’identità personale, ricettazione, sostituzione di persona e possesso di documenti falsi.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Pescara: in città con un falso documento, preso latitante macedone"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*