Pedofilia : A giudizio adescatore seriale

Pedofilia: A giudizio adescatore seriale di Piombino, tra le sue vittime anche ragazzine abruzzesi.

La vicenda che vede come protagonista un uomo di 46 anni, ex Dj ed autista di un’associazione di volontariato, riguarda una denuncia specifica fatta dal papà di una ragazzina tredicenne di Genova, alla quale l’uomo si era presentato come suo coetaneo attraverso un social network. Per indurre la ragazza ad avere rapporti sessuali con lui la minacciava di rendere pubbliche sulle chat foto delle sue parti intime che la ragazza gli aveva inviato. Stufa delle insistenze la vittima ha deciso di confessare tutto ai genitori che hanno subito allertato le forze dell’ordine. I fatti risalgono allo scorso agosto, gli uomini della Polpost hanno trovato in casa dell’uomo, foto di altre giovani vittime, tra queste anche una ragazzina della Provincia di Teramo.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Pedofilia : A giudizio adescatore seriale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*