Pacilio: L’ultimo lungo applauso al nostro direttore

Pacilio: L’ultimo lungo applauso al nostro direttore , come in una delle sue tante  trasmissioni quando con discrezione entrava nelle case degli abruzzesi.

Questa mattina, nella cattedrale di S.Cetteo a Pescara, c’era davvero tutto l’Abruzzo, autorità politiche, il mondo della cultura, colleghi giornalisti, ed i suoi telespettatori per un ultimo saluto al nostro direttore, ma soprattutto al volto più amato dell’emittenza privata nella nostra Regione. Dal vice presidente del Csm Giovanni Legnini, ad alcuni parlamentari abruzzesi come Razzi, Fusilli e Melilla, a numerosi esponenti della politica regionale, l’assessore Di Matteo, il consigliere Febbo, i sindaci di Pescara e Francavilla Alessandrini e Luciani, il vice sindaco de L’Aquila Nicola Trifuoggi, ed altri rappresentanti del mondo della politica e del sindacato , dello sport come il Presidente del Pescara Daniele Sebastiani, così come del giornalismo: dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti Stefano Pallotta, al presidente del Corecom Filippo Lucci, ai tantissimi cronisti, molti dei quali gli devono molto. E poi i personaggi televisivi Vincenzo Olivieri, ‘Nduccio, Marco Papa, Maria Rita Piersanti, Mimmo D’Alessio, la proprietà di Rete8 con il presidente Luigi Pierangeli. Tutti stretti alla famiglia, la moglie Giulia, i figli Massimo, Marco e Silvia, un segno evidente di ciò che ha rappresentato Pasquale Pacilio il quale, come ha sottolineato Don Francesco Santuccione nella sua omelia, ha aiutato tutti noi a leggere i fatti del quotidiano nel sociale, nella vita pubblica e quella politica, negli usi e costumi di questa Regione da 40 anni in qua, da quando apparve per la prima volta in Tv, agli albori delle televisioni private, fino allo scorso 19 giugno per la sua ultima storica apparizione nel corso dello speciale elezioni sui ballottaggi delle Amministrative. Non chiedete a Dio perchè ce lo ha tolto, ma ringraziatelo perchè ce lo ha dato, ha ricordato ancora Padre Francesco citando S.Agostino, ed é stata effettivamente una fortuna di cui essere grati, aver lavorato al suo fianco, lo è stato nei momenti più difficili, così come nei momenti più felici, perchè in entrambi i casi, come amava sempre dire con quel suo inconfondibile intercalare napoletano…..E addò sta ‘o problema ?

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Pacilio: L’ultimo lungo applauso al nostro direttore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*