Omicidio Tagliacozzo, ucciso per un cane

Omicidio Tagliacozzo, ucciso per un cane. Sarebbe questo il movente che ha spinto il presunto killer Pietro Catalano ad uccidere ieri pomeriggio l’ex pugile Marco Callegari.

A seguito dell’interrogatorio fiume ieri sera di un testimone ritenuto chiave ed indagato lui stesso per rissa, stamane il Pm Vincenzo Barbieri ha ordinato l’arresto di Pietro Catalano, già fermato ieri sera. L’accusa é omicidio volontario. Secondo quanto ha riferito il testimone, nel pomeriggio di ieri, in località Piccola Svizzera a Tagliacozzo, Catalano avrebbe sparato tre colpi di pistola: il primo colpo, per intimidazione, ha sfiorato i piedi della vittima, il secondo lo ha raggiunto al ventre ed il terzo, che lo ha colpito al cuore, é stato esploso in un atto di vera e propria esecuzione. Nel corso dell’interrogatorio il testimone chiave ha anche mimato le fasi del delitto spiegando che il colpo che ha freddato l’ex pugile Callegari é stato sparato da Catalano dopo che la vittima gli aveva sferrato una martellata in testa. Intanto proseguono le ricerche dell’arma del delitto poichè Catalano si é chiuso in un ermetico mutismo dopo aver negato di essere l’autore dell’omicidio

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Tagliacozzo, ucciso per un cane"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*