Occupazione Ex Oviesse Teramo: Processo da rifare

Occupazione Ex Oviesse Teramo: Processo da rifare nulla il decreto di citazione notificato solo a 5 dei 12 imputati.

Pronti via il processo, a carico dei 12 artisti teramani, tra cui anche il noto musicista Enrico Melozzi, accusati di aver occupato nel gennaio del 2014 i locali dell’Ex Oviesse per protestare contro la trasformazione di un locale che ospitava il vecchio teatro comunale. é stato di fatto chiuso dal giudice Massimo Biscardi, con il relativo invio degli atti alla Procura che dovrà ora ricominciare tutto da capo. Il giudice ha accolto l’eccezione sollevata dalla difesa riguardo alla nullità dell’atto di citazione in quanto l’avviso di conclusione delle indagini risultava notificato solo a 5 dei 12 imputati. Il Pm Bruno Auriemma dovrà ora far ripartire tutto l’iter tecnico. L’occupazione venne portata avanti sulla scia di quella del Teatro Valle di Roma e con gli occupanti che chiedevano la trasformazione dell’edificio, che un tempo ospitava il vecchio teatro comunale, nel Nuovo Teatro Teramo e con i locali che per due settimane avevano ospitato spettacoli di ogni tipo. Poi la denuncia da parte del Comune, lo sgombero e la citazione diretta a giudizio firmata dal Pm Auriemma.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Occupazione Ex Oviesse Teramo: Processo da rifare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*